Tour virtuali

Stampa

Visita alcuni dei luoghi più belli della Riserva Naturale Lago di posta Fibreno attraverso un Tour Virtuale, per vivere in prima persona un’esperienza unica.

Il percorso comprende le seguenti tappe:

Il Museo Naturalistico Etnografico della  Riserva Naturale Regionale Lago di Posta Fibreno è stato realizzato nel 1998 in una ex scuola elementare opportunamente riadattata nel centro storico del Paese. Il percorso museale si articola in quattro aree: nella prima è riportata la ricostruzione dell’ecosistema del lago e l’esposizione di immagini che raffigurano la riserva naturale nel corso delle stagioni;nella secondaarea è rappresentato il forte legame che c’è tra “l’uomo e il lago” ed è possibile ammirare attrezzi utilizzati fino a qualche decennio fa per i lavori nei campi e per la pesca. Tra i tradizionali strumenti troviamo la tipica imbarcazione usata dai pescatori/coltivatori postesi, la Nàue, la pala, il palone, lo zappone, alcuni arnesi utilizzati dai contadini per il lavoro nei campinonché cestini artigianali in giunco per la produzione del formaggio. Nella terza “sala” è stata riprodotta una tipica cucina postese; mentre nella quarta sono esposti il plastico che riproduce il territorio comunale e alcuni pannelli fotografici che mostrano la ricca biodiversità presente nel Comune di Posta Fibreno. Visita Virtuale del Museo Etnografico.
Visita virutale del Museo Etnografico

I’Isola Galleggiante, situata in prossimità del Lago Fibreno, è un piccolo isolotto di circa 30 metri di diametro e con uno spessore di 4 metri, formato da un cumulo di rizomi, torba, radici ed erbe palustri. Si presenta come un cono con la punta rivolta verso il basso, ha la particolarità di spostarsi all’interno di un piccolo specchio d’acqua di forma ovale grazie all’azione combinata del vento e all’aumento della portata di sorgenti sotterranee ed è collegata al lago da canali (“le forme”). La dolina carsicaviene chiamata dagli abitanti di Posta Fibreno “La Prece”; si pensa che abbia assunto la forma attuale dopo il 1600, infatti in un altorilievo in stucco riproducente la Posta, è appena accennato un avvallamento e non un imbuto come in un plastico successivo, dove è ben rimarcata la caratteristica forma della dolina. 
Visita Virtuale dell’Isola Galelggiante e della Dolina “La Prece”  

Il mulino ad acqua di Posta Fibreno, in prossimità del Lago Fibreno nella Riserva Naturale, fu costruito nel 1810 dai Signori Lecce e Ruggeri; acquistati dalla famiglia Ferrante di Alvito nel 1851. Agli inizi del novecento (dal 1905 al 1908) accanto all’originario edificio, il Sig. Giovandiego Ferrante realizzò una piccola centrale idroelettrica utilizzata per illuminare il comune di Alvito. La stessa dinamo, miracolosamente risparmiata dalle distruzioni tedesche verso la fine dell’occupazione, fornì energia per molti mesi  a una decina di comuni limitrofi. Il mulino  ha funzionato regolarmente fino agli inizi degli anni ‘80 del secolo scorso.  (Link o immagine che porta alla Visita Virtuale aprendo un’altra pagina) 
Visita Virtuale del Mulino ad Acqua

Dove mangiare

RISTORANTI


 “Capriccio”,
Via Rivolta, Tel. 0776.887322

 “Il Mantova del lago”, Contrada Pesca,
Tel. 0776.887344 -0776.887345
www.ilmantovadellago.it

 “Il Vicolaccio”,
Contrada Cona, Tel. 0776.887324

“Simpaty”,
Contrada S. Venditto, Tel. 0776.887360

 “Lecce”, Ristorante, Pizzeria, Bar
Contrada Carpello, Tel. 0776.887086

Ristorante, Bar “Chalet”

 

PIZZERIE E TRATTORIE


“La Fraschetta”,
Via Stretta, Tel. 3880425009

“Doca”,
Contrada Cona, Tel. 0776.887231

 

BAR GELATERIE E PUB


“Bacco Perbacco e Baffo”,
Via Casalvittoria

“La Rota”,
Via San venditto, Tel. 349.6764551

“L'Oasi del lago bar”,
Via Carpello

“L’Elfo del Lago”,
Contrada Carpello, Tel. 0776.887080

“Smile”,
Contrada Carpello, Tel. 0776.887368

 

B&B, AFFITTACAMERE, AGRITURISMO


 “L'Oasi del Lago”,
Via Carpello 154, Tel. 333.7801570 - 338.8396263
www.loasidellago.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 “Ben Posta”,
Via Vicenne Tel. 339.1240889 - 329.3920973
www.benposta.it

 “Il Centro Storico”,
Piazza Municipio, Tel. 0776.887323

 “Ninfa del Lago”,
Piazza Carpello, Tel. 333.2712744 - 339.5724190
www.ninfadellago.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

“La Casa Rossa della Posta”,
Via Camminate, Tel. 0776 887287 - 3484568779
www.lacasarossadellaposta.it

 “Il Casale Agriturismo”,
Loc. La Pesca, Tel. 0776 871744

“Oasi dei sapori”,
Loc. Colle le Vicenne, Tel. 366.5053967

 “Victoria Cottage”,
C.da Tagliata, n. 14, Tel. 347.7573633 - 349.7227089

Monolocale Agrituristico “La Casa sul Lago”,
Via Carpello, Tel. +39.3427911480
http://www.agriturismolariservasullago.it/index.php/la-casa-sul-lago
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dove dormire

Alberghi


 Hotel “Gardenia”,
Via Valcomberta, SORA
Tel. 0776.891313 - 0776.891314

 Hotel “Valentino”,
Via Napoli n. 56, SORA
Tel. 0776.831071

 Hotel “Raffaello”,
Via Lucio Gallio n. 25, ALVITO
Tel. 0776.510949

 “L’Oasi del Lago”,
Via Carpello n.154, POSTA FIBRENO
Tel. 333.7801570 - 338.8396263

 

Agriturismo


 La Pesca 
località la Pesca, POSTA FIBRENO (FR)
Tel. 0776.887141

 Il Casale
località La Pesca, POSTA FIBRENO
Tel. 0776.871744  

Cooperativa “Il Casale”, ALVITO
Tel. 0776.509110

Il Museo

Particolarmente interessante è la visita del piccolo museo naturalistico etnografico. L’edificio, anch’esso un tempo adibito a scuola, è collocato nel centro storico del Paese.

I vari ambienti sono suddivisi in relazione alle tematiche e agli oggetti esposti. La raccolta di strumenti ed attrezzi utilizzati in passato, per i lavori nei campi, per la pesca e per le attività domestiche, permette di apprezzare la maestria degli artigiani e lascia intuire l’intenso lavoro manuale che veniva richiesto ai nostri avi per attendere alle occupazioni quotidiane.

Tra gli strumenti troviamo la tipica imbarcazione del lago di Posta Fibreno, la “naùe”, interamente di legno, dal fondo piatto, simmetrica con la prua e la poppa rialzate allo stesso modo. Le origini di questa imbarcazione risalgono alle antiche popolazioni italiche. Veniva realizzata con assi di legno di roverella, inchiodati ed incollati tra di loro con uno speciale impasto di muschio e farina. Era in grado di trasportare un carico di 4/5 quintali.
Per spostarsi con la “nàue”, si utilizza un lungo remo chiamato “pala”, di oltre tre metri di lunghezza, usata per dare la direzione all’imbarcazione, appoggiandola sul fondo e spingendo, o come semplice remo. Un altro attrezzo tipico che si utilizza è il “palone”, un remo corto con la forma a cucchiaio, della lunghezza di circa 1,50 m; tale attrezzo viene utilizzato per svuotare internamente la barca dell’acqua. Infatti fino ad alcuni anni fa, prima che iniziassero a costruire la “nàue” in lamierino metallico, la stessa veniva completamente sommersa onde proteggerne il legno.
In passato questa imbarcazione era l’unico mezzo utilizzato per le attività intorno al lago, infatti veniva usata oltre che dai pescatori per la pesca, anche dai contadini per la raccolta delle erbe acquatiche e all’occorrenza per portare a spasso “i signori” che venivano dai centri limitrofi a fare le gite domenicali.

 Clicca qui per aprire la visita virtuale al Museo Etnografico in una nuova scheda

  • Museo1

    Museo1

    Museo etnografico - foto 1

    Read more

  • Museo2

    Museo2

    Museo2
  • Museo3

    Museo3

  • Museo4

    Museo4

  • Museo5

    Museo5

  • Museo6

    Museo6

  • Museo7

    Museo7

  • Museo8

    Museo8

  • Museo9

    Museo9

  • Museo10

    Museo10

  • Museo11

    Museo11

  • Museo12

    Museo12

  • Museo1
  • Museo2
  • Museo3
  • Museo4
  • Museo5
  • Museo6
  • Museo7
  • Museo8
  • Museo9
  • Museo10
  • Museo11
  • Museo12

Piazza Cesare Battisti
Posta Fibreno (FR)
tel. e fax 0776 888021
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il Mulino ad acqua

Mulino ad acquaIl mulino è attualmente adibito, al piano superiore, a sede della Riserva. Tale edificio fu costruito nel 1810 in località Sorgentina. Successivamente, tra il 1905 ed il 1908, la struttura venne ampliata e, accanto all’originario edificio, fu realizzata una piccola centrale idroelettrica grazie alla quale, subito dopo la fine della II guerra mondiale, fu possibile alimentare, per alcuni mesi, gli impianti di illuminazione pubblica dei comuni limitrofi. Nei primi anni di questo secolo, le strutture sono state restaurate e le macchine originarie (turbine, generatori) messe in grado di funzionare nuovamente, onde poter produrre l’energia elettrica necessaria a rendere autosufficienti gli uffici della Riserva.

 Clicca qui per aprire la visita virtuale al Mulino ad Acqua in una nuova scheda

  • Mulino1
  • Mulino2
  • Mulino3
  • Mulino4
  • Mulino5
  • Mulino6
  • Mulino7
  • Mulino8
  • Mulino1
  • Mulino2
  • Mulino3
  • Mulino4
  • Mulino5
  • Mulino6
  • Mulino7
  • Mulino8

Timber by EMSIEN-3 LTD